BAGRATIONI-GRUZINSKI

Monarchia georgiana

Con il crollo dell'Impero bizantino nel 1453, il regno georgiano si trovò in una posizione difficile. L'ultimo re della Georgia unita, re Giorgi VIII (1446-1466), fu diligente nell'unire il regno georgiano orientale (con la linea di sangue del re David Ulu dalla parte di suo padre) e il regno georgiano occidentale (con la linea di sangue del re David Narini dalla parte di sua madre), che era particolarmente importante per la legittimazione del ramo reale della Georgia unita. 

 

Durante il dominio di Giorgi VIII come re della Georgia unita, gli ottomani spezzarono la coalizione tra la Georgia e il resto dell'Europa. Ciò portò alla rottura del regno unito georgiano in tre regni provinciali: Kakheti, Kartli e Imereti. Nel 1466, il re Giorgi VIII fu costretto a trasferirsi nel Kakheti, dove stabilì il regno indipendente del Kakheti. Sebbene abbia continuato a lottare per la restaurata unificazione del paese sotto la sua corona, la politica prevalente della regione a questo punto della storia non lo ha permesso. 

 

Nei secoli seguenti molti discendenti diretti del re Giorgi VIII, i rappresentanti del ramo reale di Kakhetian, continuarono con questa lotta per l'unificazione politica. Alcuni di loro ebbero successo, come il re Teimuraz I (1605-1648). Nel 1625, unì due regni e divenne il re del regno unito Kartli-Kakheti. Sfortunatamente, nel 1648, gli iraniani hanno abolito questa importante unificazione quando hanno invaso la Georgia. Il re Erekle I, nipote del re Teimuraz I, che regnò su Kartli tra il 1688 e il 1703, tentò di unire nuovamente i due regni. Eppure non ebbe successo poiché l'Iran ha impedito il ripristino. Ulteriori sforzi per l'unificazione sono stati cercati dai rappresentanti del ramo reale di Kakhetian. Ad esempio, il re Alessandro III, che governò a Kartli tra il 1735 e il 1737, cercò l'unificazione. Così ha fatto il suo successore, 

 

L'anno 1790 fu segnato dal cosiddetto "Trattato degli iberici", per cui il re Erekle II fu riconosciuto come sovrano di tutti i georgiani: "il padre di tutti". Il trattato fu firmato dal Patriarca della Georgia, dal re Imerete Salomone II, Grigol Dadiani (Principe di Mengrelia) e Simon Gurieli (Principe di Guria). Lo stato di re Erekle II fu in seguito ereditato da suo figlio, Giorgi XII, che era l'ultimo re della Georgia. 

Stemma per re Erekle II

Tragedia russa

Nel 1801, l'imperatore russo abolì tragicamente la monarchia georgiana, ma i titoli e gli onori degli eredi al trono erano ancora riconosciuti e conservati dai discendenti del re Erekle II e Giorgi XII. Durante questo periodo, nel 1801, la famiglia reale georgiana (gli antenati del principe ereditario HRH Nugzar Bagrationi-Gruzinski) si trovò in esilio dall'impero russo. Nessuno dalle altre linee Bagration (le linee Bagrationi-Mukhranski, Bagrationi-Davitishvili e Bagrationi-Babadishi) fu esiliato in Russia perché queste altre linee erano semplicemente nobili di alto livello senza diritto o rivendicazione al trono della Georgia. 

 

 Nei primi anni del diciannovesimo secolo, la Russia imperiale decretò che solo i figli e le figlie del re georgiano potevano godere dei titoli di "principi e principesse georgiani" (letteralmente Gruzinski, che significa "della Georgia"). Questo aveva lo scopo di distinguere tali principi e principesse dall'altra nobiltà Bagrationi. Per questo motivo, solo la famiglia reale oggi porta il nome Bagrationi-Gruzinski. Nel 1833, la Russia imperiale decretò anche che solo ai nipoti del re Erekle II e del re Giorgi XII dovesse essere assegnato il titolo di "principe georgiano" (Gruzinski); questo divenne il cognome di questi discendenti. Nel 1865, l'imperatore russo Alessandro II concesse a tutti i rappresentanti di questo ramo reale (gli antenati del principe ereditario HRH Nugzar Bagrationi-Gruzinski) lo stile di "Più rispettoso". Questa famiglia, da cui discende il principe ereditario HRH Nugzar Bagrationi-Gruzinski, era reale e considerato uguale alle altre famiglie reali in Europa. Alcuni alti nobili di spicco in Russia consideravano la famiglia reale della Georgia solo un gradino sotto il prestigio della stessa casa imperiale russa.  

Stemma per Giorgi XII

Il principe ereditario oggi

 Il principe ereditario Nugzar Bagrationi-Gruzinski è il figlio del principe HRH Peter Bagrationi-Gruzinski della Georgia (1920-1984), che fu un importante poeta ed ex capo della Casa Reale della Georgia tra il 1939 e il 1984. Suo nonno, HR Prince Alexander (1820-1865), era il figlio di HRH Prince Bagrat, il quarto figlio del re Giorgi XII di Georgia. La vita del principe Pietro fu piena di tragedia, poiché fu costretto a vivere nella Russia sovietica. I sovietici sapevano che era il legittimo erede del trono georgiano e non volevano il rischio politico che i georgiani nativi sostenessero il ripristino di un regno georgiano indipendente. Nonostante la prigione, il Principe Pietro continuò a esprimere la sua protesta interiore contro il regime politico sovietico attraverso la sua poesia. Faceva parte dell'organizzazione giovanile clandestina che segretamente pubblicava pubblicazioni anticomuniste. Uno dei suoi testi di poesie pubblicati portò al suo arresto nel 1946, e fu condannato alla pena di morte. All'interno di questa poesia, il poeta si riferisce apertamente alla sua discendenza reale ed è il diretto discendente del grande re Erekle II. Fortunatamente, il principe Pietro sopravvisse miracolosamente a questa punizione. Col tempo, è diventato abbastanza famoso per i suoi testi e canzoni georgiane. Quando il "Poeta" Prince Peter (II) morì nel 1984, la casa madre della Royal House of Georgia passò al figlio il principe ereditario Nugzar Bagrationi-Gruzinski, attualmente direttore del teatro degli artisti del cinema di Tbilisi. il poeta si riferisce apertamente alla sua discendenza reale ed è il diretto discendente del grande re Erekle II. Fortunatamente, il principe Pietro sopravvisse miracolosamente a questa punizione. Col tempo, è diventato abbastanza famoso per i suoi testi e canzoni georgiane. Quando il "Poeta" Prince Peter (II) morì nel 1984, la casa madre della Royal House of Georgia passò al figlio il principe ereditario Nugzar Bagrationi-Gruzinski, attualmente direttore del teatro degli artisti del cinema di Tbilisi. il poeta si riferisce apertamente alla sua discendenza reale ed è il diretto discendente del grande re Erekle II. Fortunatamente, il principe Pietro sopravvisse miracolosamente a questa punizione. Col tempo, è diventato abbastanza famoso per i suoi testi e canzoni georgiane. Quando il "Poeta" Prince Peter (II) morì nel 1984, la casa madre della Royal House of Georgia passò al figlio il principe ereditario Nugzar Bagrationi-Gruzinski, attualmente direttore del teatro degli artisti del cinema di Tbilisi.  

 

Il principe ereditario HRH Nugzar Bagrationi-Gruzinski è il legittimo successore lineare degli ultimi re della Georgia unita, il legittimo successore degli ultimi re del regno di Kartli-Kakheti e discendente di primogenitura nella linea maschile di Giorgi XII. Nel 2006, l'ex capo della casa reale di Imereti, la Principessa HR Nino Bagration-Imeretinski (1915-2008), firmò un importante memorandum in cui lei, a nome del ramo reale di Imereti, riconobbe la legittima pretesa e sovranità della Bagrationi-Gruzinski famiglia sul resto delle linee Bagrationi. 

 

Il principe ereditario HRH Nugzar Bagrationi-Gruzinski è sposato con la principessa Leila Kipiani, nata a Tbilisi il 16 luglio del 1947. Si sono sposati il ​​10 febbraio 1971. Il principe ereditario e la principessa hanno due figlie: la principessa Anna (nata nel 1976) e la principessa Maia (nato nel 1978). La principessa Leila discende da una delle famiglie nobili occidentali della Georgia.

Stemma per re Erekle II

Stemma per Giorgi XII

Stemma per HRH Crown Prince Nugzar Bagrationi-Gruzinski

COPYRIGHT © 2020 ROYAL HOUSE OF GEORGIA - DELEGAZIONE ITALIANA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI